NASPI, molti credono di non averne diritto in questo caso e la perdono: finalmente una buona notizia

Il mondo del lavoro è in costante evoluzione e, con esso, anche le normative che regolano i diritti e i doveri di lavoratori e datori di lavoro.

Una delle questioni più delicate riguarda il diritto alla NASPI (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego), in particolare nelle situazioni in cui al lavoratore viene offerta una mansione alternativa rispetto a quella originaria.

lavoratore che ha appena ricevuto una buona notizia
Attenzione, perché in questo caso non si perde il diritto alla NASPI – meltyfan.it

Prima di addentrarci nel cuore della questione, è importante comprendere il contesto in cui essa si inserisce. Il “repechage” è un termine che indica l’obbligo per il datore di lavoro di verificare la disponibilità di altre posizioni vacanti all’interno dell’azienda, anche di livello inferiore, prima di procedere con un licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Questa pratica ha lo scopo principale di salvaguardare il posto di lavoro del dipendente, offrendogli alternative valide al licenziamento.

Il repechage e la Naspi: cosa c’è da sapere

Una delle domande più frequenti tra i lavoratori riguarda le conseguenze della rinuncia a una mansione alternativa proposta dal datore di lavoro. Spesso, c’è la preoccupazione che tale scelta possa essere interpretata come dimissioni volontarie, precludendo così l’accesso alla NASPI. Tuttavia, la legge offre una prospettiva differente: generalmente parlando, il rifiuto da parte del lavoratore non viene considerato come un atto di dimissioni volontarie e, quindi, non comporta automaticamente la perdita dell’assegno di disoccupazione.

Per mantenere il diritto all’assegno di disoccupazione è fondamentale che la cessazione del rapporto lavorativo sia involontaria da parte del dipendente. Ciò significa che l’assegno spetta nei casi in cui vi sia un licenziamento (anche se per giusta causa) o dimissioni per giusta causa imputabili al datore di lavoro. Pertanto, nel caso specifico del licenziamento determinato da motivi economici o organizzativi – indipendentemente dall’avvenuto repechageil lavoratore mantiene pienamente il suo diritto alla NASPI.

Busta bianca con banconote all'interno
Il lavoratore ha diritto alla NASPI anche se rifiuta una nuova mansione al lavoro – meltyfan.it

Nonostante non sia necessario fornire motivazioni specifiche per rifiutare la proposta alternativa offerta dal datore, ci sono diverse ragioni legittime che possono portare a tale decisione: competenze richieste non possedute dal lavoratore; incompatibilità con le condizioni personali o familiari; stipendio nettamente inferiore rispetto alle precedenti esperienze o non adeguato alle competenze; oppure situazioni eccezionali ed impreviste che impediscono l’accettazione dell’incarico.

È compito del datore dimostrare l’avvenuto tentativo effettivo dei ripescaggi interni prima di procedere con un licenziamento. Deve quindi provare che all’interno dell’azienda non esistevano posizioni alternative idonee rispetto a quelle precedentemente occupate dal dipendente ora licenziato. Questa responsabilità sottolinea ulteriormente come la legge tenda a proteggere i diritti dei lavoratori anche nelle fasi più critiche dei rapporti lavorativi.

In sintesi, affrontare tematiche quali ripescaggio e ricollocazione interna richiede una comprensione approfondita delle normative vigenti e dei propri diritti come lavoratori. La possibilità offerta dalla legge italiana ai dipendenti – quella cioè di poter declinare posizioni alternative senza perdere automaticamente accesso agli ammortizzatori sociali – rappresenta uno strumento importante nella tutela delle proprie aspirazioni professionali ed economiche.

Impostazioni privacy