Selena Gomez si è rifatta le labbra? La foto che scatena il dubbio!

Selena Gomez all'aeroporto di Los Angeles, 07.04.2016
Ecrit par

Selena Gomez di nuovo al centro delle polemiche: arrivata ieri all'aeroporto di Los Angeles, si è notato subito qualcosa di strano alle sue labbra!

Selena Gomez ancora al centro delle polemiche. Questa volta non è per via del suo ex Justin Bieber (caduto sul palco del Purpose Tour e accusato di cantare in playback), ma per il suo aspetto fisico. Non è certo la prima volta che Selena Gomez viene attaccata per il suo fisico. Dopo aver sofferto al punto di voler entrare in rehab per riprendere il controllo sulla sua vita, la ex star Disney ha intrapreso un percorso fatto di forza e coraggio. Storia d'amore Jelena a parte, Selena Gomez ha sempre dovuto difendersi dalle accuse riferite alla sua immagine, mentre quello che lei ha sempre desiderato è essere presa sul serio dal punto di vista artistico. Avendo iniziato la carriera sia come attrice che come cantante molto presto, la sua crescita sotto i riflettori non è stata certo facile.

Selena Gomez è una splendida giovane donna dal talento raro che riesce ad esprimersi al meglio sia sul set cinematografico che sul palcoscenico. Ora si sta dedicando alla sua nuova fase artistica con l'ultimo disco "Revival", che tra circa un mese porterà in tour (qui l'anteprima del make up di scena). Sempre impegnata a viaggiare per il mondo, ieri 7 aprile è giunta all'aeroporto di Los Angeles dove ad aspettarla c'erano i suoi fan e naturalmente i soliti paparazzi. Negli scatti presi, HollywoodLife ha voluto puntare il dito su un particolare del suo viso: le labbra appaiono decisamente piene. Non è certo la prima volta che Selena Gomez viene accusata di chirurgia estetica, ma forse qui si potrebbe più parlare di un semplice e innocuo filler che di reale intervento con bisturi. Oppure di un make up molto ben fatto che tende a far apparire le labbra più piene. Di certo, la bocca voluttuosa di Selena Gomez è un suo trademark. Selenator, cosa ne pensate?

Crediti: Youtube, Archivio web